Parola ai protagonisti: i ragazzi di Fiumicini ci raccontano la loro stagione e si preparano alla sfida delle 15.00 contro l’Ottavia

Poco meno di due ore alla sfida decisiva per il campionato della nostra Under 19. La squadra di mister Massimo Fiumicini scenderà in campo contro l’Ottavia per cercare i 3 punti e agganciare proprio l’avversaria di oggi in vetta alla classifica. L’attesa è tanta, la sfida si preannuncia appassionante e per entrare in clima partita abbiamo ascoltato alcuni dei calciatori che saranno protagonisti tra poco sul terreno di gioco.

Partiamo dal capitano Riccardo Carpineti al quale abbiamo chiesto le sue sensazioni per la gara e se si aspettava di arrivare a questo punto della stagione in questa posizione di classifica: “Siamo tutti molto soddisfatti del percorso che stiamo facendo soprattutto perché nessuno, dopo il precampionato disastroso, si sarebbe aspettato di poter lottare per il podio. Siamo sicuramente carichi e pronti alla battaglia e a prescindere da oggi rimane per noi fondamentale ottenere il miglior piazzamento possibile sia per i playoff sia per eventuali ripescaggi”.

Abbiamo poi ascoltato Giulio Cordelli, apparso davvero determinato: “Credo che il campionato che stiamo portando avanti, nonostante lo scetticismo iniziale, possa essere definito come il nostro piccolo miracolo, un obiettivo che ci siamo costruiti passo dopo passo. Credo che la forza di questa squadra sia il gruppo, il sostenerci a vicenda soprattutto nelle situazioni difficili. Arriviamo alla sfida di oggi a tre punti dal nostro avversario, con qualche rimpianto, ma con la voglia di rifarci e soprattutto con il massimo impegno. Questa partita la aspettavamo da tempo, perché vogliamo e dobbiamo dimostrare di non essere inferiori a nessuno”.

Siamo poi passati a bomber Leonardo Marchetta, autore di tante grandi prestazioni in questa stagione e di molteplici reti: “Riguardo la partita di oggi sia io che i miei compagni siamo consapevoli del fatto che questo sia un avversario ostico, difficile da battere. Personalmente nelle partite in cui si decide qualcosa voglio essere sempre decisivo. Ci impegneremo e proveremo a portare a casa i 3 punti”.

Abbiamo concluso con il re del centrocampo, oggi purtroppo assente, Federico Di Maio che parla del senso di appartenenza alla Petriana: “Se il gruppo non fosse così unito non saremmo dove siamo oggi. Stiamo combattendo per il primo posto e possiamo farcela, sono fiducioso. Tanti di noi sono cresciuti in Petriana, quella che ormai è casa nostra ed è per questo che stiamo cercando di fare di tutto per portare in alto la società. Tutti teniamo a raggiungere l’obiettivo finale e penso proprio che ci possiamo riuscire. E’ il gruppo in cui mi sono trovato meglio da quando sono in questa società.
Riguardo la partita sicuramente non mancherà l’impegno, lo mettiamo sempre, in ogni allenamento, i ogni gara. Servirà comunque anche un po’ di fortuna. Sarà tosta, loro naturalmente ambiscono alla vittoria finale e hanno 3 punti in più che noi abbiamo perso buttando via partite sulla carta più fattibili. Io oggi purtroppo non ci sarò, ma sono in ansia già da questa mattina. Speriamo bene”.

Ora non resta che tifare, crederci e dimostrare cosa vuole dire avere il cuore gialloblu. Forza ragazzi, forza Petriana Calcio!

Ufficio Stampa Petriana Calcio

Read Previous

Domani grande sfida per l’Under 17. Ci si gioca il campionato contro la Compagnia Portuale

Read Next

Under 17, Petriana Calcio 2-0 Compagnia Portuale CV. La partita perfetta dei ragazzi di Fontana